martedì 11 dicembre 2018

Una serata al Slow Club Sheket

Se uno vuole passare una bella serata a Roma, fatta di buona cucina, ottimi cocktails, piacevole musica, ambiente elegante ed esclusivo, atmosfera cosmopolita, dove potrebbe andare? Forse una volta non sarebbe stato così semplice rispondere, ma ora ve lo dico al volo - Slow Club Sheket. L'altra sera ho avuto occasione di visitarlo e sono rimasta davvero piacevolmente sorpresa. Anche se c'è poco da sorprendersi visto che questo locale è nato dalla partnership di professionisti del settore come Izhak Nemni, proprietario di Baccano e La Zanzara, e Riccardo Sargeni e Gianluca Sette, già partner di locali quali Cohouse Pigneto e Vodoo Bar.


Già la definizione "slow club" mi piaceva ed intrigava. Mi dava l'idea di qualcosa di qualità, di nicchia, per gente che se ne intende. Si trova nel Palazzo Caetani in via Botteghe Oscure, in pieno centro di Roma, e si presenta come uno spazio raffinato e poliedrico in grado di offrire un'esperienza totale e sicuramente indimenticabile, dall'aperitivo fino al dopocena.



Ovviamente la prima cosa che si nota quando entri in un locale è il design. Da Sheket, arredato dal designer Alfredo Cianchetta, è tutto molto ricercato, le luci e i colori che regalano un'atmosfera soffusa e misteriosa, da un club parigino o un cocktail bar di Soho, il grande lampadario antico e le lampade in japanese style, gli specchi, i divani in velluto e le piume, le pareti policrome che sembrano ricamate.











Il club consiste di diversi spazi situati sui vari livelli che dà più movimento e funzionalità. Uno può trovare qui un angolo tranquillo, ma volendo anche sentirsi nel centro del mondo.









Per ambientarsi e rilassarsi si va al bancone del bar, davvero impressionante, sia per la sua bellezza e le dimensioni che per un'ampia ed esclusiva selezione di cocktail e distillati proveniente da tutto il mondo, come whisky scozzesi, americani e giapponesi, gin, mezcal, tequile, rhum.




La lista dei cocktail include una ventina di miscele signature, tutte ideate dal capo barman Matteo Dedde, perfette per qualsiasi momento della serata, come ad esempio Once upon a time (tanqueray rangpur, lime, fiori di sambuco, prosecco, bitter orange) o Velvet revolver (luxardo aperitivo, pompelmo rosa, liq cassis, prosecco, velluto di curaçao).




Si procede con una cena basata sul menu multietnico e fusion, leggero e perfetto per una serata al club, ispirato alla tradizione contemporanea dei ristoranti Nobu, sotto la guida dell'Executive Chef Marco Milani. Qui si può gustare sushi, sashimi e tempura, crudi, tartare, ostriche, riso, ravioli cotti al vapore e scottati, piatti sul grill come yakitori di pollo, anticucho peruviani, kushiyaki di pork belly, picana di Wagyu e churrasco di agnello.






Senza dimenticare gli squisiti dessert come passion fruit cheese cake (ginger bread, strawberry sherbet) e matcha tea tiramisù (mascarpone, matcha crumble biscuit, espresso).






Tutto accompagnato da una preziosa carta dei vini e degli champagne, ampia e di grande qualità, anche di nicchia: Col delle rose Prosecco Superiore Valdobbiadene, Ferrari Perlé Trento DOC, Trebbien Walter Mattoni 2015, Chablis Domaine Louis Moreau 2017, Lucchine Valpolicella Tedeschi 2016, Saint Joseph Vincent Paris 2016.






Per concludere la serata in bellezza c'è musica live e DJ set che propone ogni sera una selezione musicale speciale, esclusiva ed inedita, dai suoni groove al blues, funk, black music, new disco, house music, hip-hop, guidata dai DJ e artisti importanti della scena italiana ed internazionale del momento.



Fotografie - Antonio De Paolis

via delle Botteghe Oscure, 33 
tel +39 3493709115
pagina Facebook

0 commenti::

Posta un commento