venerdì 24 ottobre 2014

Intervista con Raimonda Spalletti Trivelli e Maria Merra

Ci sono dei posti a Roma che affascinano subito per la loro incredibile storia e bellezza. Uno di questi posti è Villa Spalletti Trivelli, residenza storica dei Conti Spalletti Trivelli sin dai primi anni del XX secolo, situata nel cuore della città e divenuta oggi dimora ideale per un soggiorno a Roma. La sua storia interessante merita un breve riassunto.

foto Villa Spalletti Trivelli
Gabriella Rasponi, vedova del Conte Venceslao Spalletti Trivelli, Senatore del Regno, nipote di Gioacchino Murat e di Carolina Bonaparte (sorella di Napoleone) acquista il terreno davanti ai giardini del Quirinale e affida all'architetto Domenico Avenali l'incarico di costruire Villa Spalletti Trivelli. Con il tempo Villa diviene un cenacolo politico e culturale di prestigio frequentato da personaggi di spicco dell'epoca e dall'intellighenzia.

Nel 2004 Giangiacomo Spalletti Trivelli, bisnipote della Contessa Rasponi, e sua moglie Susanna, figlia del campione di equitazione Raimondo d'Inzeo, decidono di trasformare la dimora storica di famiglia in un'esclusiva residenza di lusso per accogliere i viaggiatori più raffinati ed esigenti.

Dopo tre anni di restauri grazie alla collaborazione dell'architetto Piero Alessandrini nel 2007 Villa è divenuta una proposta di accoglienza unica ed esclusiva dove la storia unita alle più moderne tecnologie fanno della Villa l'equivalente di un albergo di lusso, all'avanguardia per comfort e servizi.

foto Villa Spalletti Trivelli
Anche se, onestamente, definire questo posto solo come un albergo o una residenza, anche se lussuosa, è troppo riduttivo. Qui affascina e sorprende tutto, fin dal primo istante, quando si apre la porta d'ingresso (per entrare bisogna suonare il campanellino, come per entrare in casa di qualcuno) e un profumo piacevolissimo, che ricorda la dolce estate mediterranea, ti avvolge rasserenandoti immediatamente. E subito dopo i primi passi sembra di entrare in un mondo a parte. L'ingresso con il pavimento lastricato con i marmi della collezione di famiglia, i saloni con il camino e gli antichi arazzi fiamminghi del sedicesimo secolo, la sala da pranzo con i tavoli apparecchiati in modo impeccabile, gli scorci sul giardino che si intravede dalle porte aperte dei saloni. Tutto ricorda l'antica "noblesse" con la sua eleganza e lo stile ricercatissimo, attento ai minimi dettagli.

foto Antonio De Paolis
foto Antonio De Paolis
Ci siamo date qui appuntamento con Raimonda Spalletti Trivelli, la giovane rappresentante dell'ultima generazione della famiglia Spalletti Trivelli, e Maria Merra, la Direttrice. Due donne che gestiscono abilmente questo hotel. Prima mi mostrano alcune camere e saloni poi ci accomodiamo nella biblioteca con la splendida boiserie e la collezione di libri preziosi della famiglia che vanta oltre 10.000 volumi.

foto Antonio De Paolis
Raimonda, che storia affascinante ha questo posto!
Raimonda: sì, davvero! Mio padre è cresciuto qui. Io non ci ho mai vissuto perché quando ero piccola lo usavamo come location per eventi. La decisione di trasformarlo in albergo ci ha permesso di salvarlo dalla decadenza, come accade a tanti palazzi nobiliari romani, e di mantenerlo al massimo e sopratutto vivo.

E poi ad un certo punto il vostro destino si è incrociato con quello della Signora Merra.
Maria: ho cominciato qui nel 2005, un anno e mezzo prima dell’apertura, per tutte le strategie di comunicazione e posizionamento, per capire anche come inserire questa struttura all’interno di quello che era il contesto romano in fatto di ospitalità che era già abbastanza vivace, ma sicuramente non aveva un progetto come quello di Villa Spalletti che è stato un numero zero, come dico sempre, ma già presente nelle maggiori capitali europee. Offre un’idea di ospitalità molto privata, intima, con la porta chiusa e la necessità di suonare il campanello, quindi si entra solo su appuntamento. In Francia c’è una proposta simile con l’idea di relais château che normalmente però sono posizionati fuori città.

L’unicità di Villa Spalletti è di essere proprio un villino urbano, a pochi passi dal Quirinale. Così nasce l’idea di recuperare il meglio della tradizione dell'ospitalità italiana e combinarla con il lifestyle dei nostri giorni e quindi mantenere la storia, dare un servizio attento, professionale, ma non intrusivo. E’ veramente come vivere la propria abitazione, ovviamente di livello, una casa patrizia e con il servizio adeguato nel cuore di Roma che si oppone all’hospitality concept dei grandi alberghi che è altrettanto valido, ma diverso dal nostro.

Noi siamo fuori rating, non abbiamo stelle, facciamo parte dell’Associazione delle Dimore Storiche Italianesiamo fieri di esserlo, e lavoriamo offrendo e garantendo il top ai nostri clienti in modo tale che effettivamente potessero scegliere il concept senza dover sacrificare comforts e standard.

Questa idea corrisponde molto al concetto moderno del lusso.
Maria: esatto, il nostro è un lusso molto privato, non urlato. In realtà più è intimo, più è sobrio, più c’è autenticità. In effetti tutta la famiglia Spalletti, Raimonda inclusa, rappresentano bene quest’idea. La cultura, la naturalezza e l’eleganza non impostati sono un comune denominatore di tutta la famiglia, una famiglia molto disponibile, molto aperta, molto protesa. Io mi sono trovata benissimo fin dall’inizio.

Raimonda è l’unica della famiglia coinvolta in questo business?
Raimonda: ho un fratello maggiore che ha iniziato a lavorare qui. Ora è in Singapore dove lavora per la catena degli alberghi Small Luxury Hotels di cui noi facciamo parte, si occupa del sales. Speriamo che presto tornerà in Europa, mi manca! Ma ogni tanto bisogna affacciarsi sulle altre realtà e fare delle esperienze.

E invece per Lei è la prima esperienza lavorativa? Ha fatto studi speciali?
Raimonda: ho fatto il liceo linguistico e mi sono laureata l’anno scorso in lingue, un settore che non è legato a questo business, ma ho voluto fare degli studi a parte, per la mia cultura personale. Così ho migliorato il mio francese, spagnolo e inglese che comunque aiutano anche in questo lavoro. Conoscere le lingue è bellissimo, ti apre la mente e il mondo, e ti aiuta molto in qualsiasi lavoro e nella vita, a comunicare con le persone. Comunque già dai tempi dell’Università sapevo che poi avrei lavorato qui. Prima immaginavo fosse bello, ma non così tanto. É un lavoro appassionante. La settimana letteralmente vola via.

Quante persone lavorano qui da voi?
Maria: 30 persone. Noi con Raimonda siamo nella parte di organizzazione, personale, marketing, strategia. Se vuoi lavorare nella nicchia del lusso e vuoi dare un servizio di alto profilo, in realtà è il minimo livello di staff perché ci sono le turnazioni, le esigenze, a volte le malattie, etc, quindi devi avere almeno 5 persone per reparto.

Parliamo dell'essenziale - la vostra struttura, le camere.
Maria: abbiamo 12 esclusive camere tra Suites, Junior Suite e Deluxe rooms e 2 appartamenti Garden Suites, alcune sono affacciate sui giardini del Quirinale e le altre sul giardino all'italiana della Villa. Ogni camera porta il nome di uno dei Rioni storici di Roma. Tutte le camere sono degli scrigni ricchi di stampe e quadri della collezione di famiglia, di mobili antichi, di stoffe preziose. Tutte hanno dei grandi bagni in marmo con pregiate vasche Villeroy e Boch, docce spaziose e con una ricca linea cortesia. E ovviamente tutte sono fornite di comfort moderni e indispensabili.

foto Villa Spalletti Trivelli
foto Antonio De Paolis
foto Villa Spalletti Trivelli
Ho notato la minuziosa attenzione ai dettagli e grande gusto nell'arredamento che combina in modo abile la modernità, il comfort e la storia. Chi è il designer d'interni?
Raimonda: mia mamma! È stata lei ad occuparsi dell'arredamento, ha un dono e un gusto impeccabile.

foto Antonio De Paolis
Maria: è stata proprio lei a fare la ricerca di tutto il tessile nelle camere. Le nostre lenzuola sono di puro e finissimo lino di Fiandra di manifattura artigianale. Le stole sono di cashmere. Ha rivoluzionato anche i letti! Adesso abbiamo delle coperte sottilissime di piuma che seguono le stagioni. I materassi ed i cuscini sono anallergici. E tutto porta lo stemma stilizzato della famiglia ricamato. Sono piccoli dettagli che fanno la differenza.

Raimonda: mamma si è occupata anche del servizio di piatti e della prima colazione. Ha fatto rifare il servizio di piatti antico della famiglia da Richard Ginori. Ha scelto personalmente i prodotti, dal miele alla mozzarella, dalle aziende biologiche. La nostra colazione è a buffet, sia salato che dolce, ma c'è anche un menu con tutti i tipi di uova, bacon, piatti espressi che vengono cucinati al momento dell'ordinazione. E la colazione è aperta non solo agli ospiti dell'hotel (per loro è già inclusa nel prezzo del stay), ma anche agli ospiti esterni (pagando una quota). L'orario della colazione è dalle 7 alle 11, tutti i giorni, ma possiamo anche estenderlo fino a mezzogiorno, se si prenota in anticipo.

foto Antonio De Paolis
Parliamo dei servizi aggiuntivi che proponete per i vostri ospiti.
Maria: ad esempio, possiamo organizzare un tour privato in compagnia di una guida turistica laureata in storia dell'arte che può dare una lettura di Roma sopra le righe. Si può organizzare un tour sul tema particolare, ad esempio Roma sotterranea.

C'è anche il servizio di baby-sitting in madre lingua e di personal shopper che lavora con noi su richiesta. Possiamo organizzare elicotteri e aerei privati, limousine. Insomma, come consierge siamo operativi a 360 gradi.

Offriamo il servizio customized, significa che sulla richiesta, sulla esigenza, sulle aspettative ritagliamo la nostra offerta. Non c’è nulla che non possa essere affrontato e risolto. Questo è un lavoro che si reinventa tutti i giorni, non ci sono due richieste uguali, ogni cliente è a se ed è giusto che abbia un servizio confezionato su misura. Certo, ci vuole un minimo di preavviso per poter realizzare tutte le richieste dei clienti. Il last minute difficilmente funziona con noi.

E poi organizziamo delle piccole sorprese in concomitanza con alcuni eventi personali che riguardano i nostri ospiti o facciamo sempre trovare dei piccoli cadeau in camera, ad esempio, ad alcuni clienti che restano per un po' di giorni regaliamo una bottiglia del nostro vino prodotto dalla famiglia Spalletti proveniente dai propri vigneti in Umbria. Ora però non voglio svelare tutti i nostri segreti. Attraverso questi particolari il modo di accogliere della famiglia Spalletti è aperto ad un pubblico che ama viaggiare e che ormai ha superato l’idea di un grande albergo e sa apprezzare questo genere di cose.

foto Antonio De Paolis
Raimonda: a proposito ora stiamo ristrutturando la nostra cantina che diventerà ancora più bella, con una terrazza, una vista su tutti i colli. Così i nostri ospiti potranno andare da qui alla vigna in giornata, fare la visita, assaggiare il vino ancora in botte, insomma vivere una bella esperienza.

Vorrei aggiungere che abbiamo tanti returning guests, e la cosa bella è che spesso tornano proprio per l’albergo, perché li è piaciuta molto proprio l’esperienza alla Villa che è diversa da quelle che offrono gli altri alberghi. Noi lavoriamo molto sulla passaparola, che è molto efficace perché sono i contatti reali e la miglior pubblicità.

Proponete i vostri spazi anche per eventi privati e su richiesta?
Maria: sì, abbiamo avuto anche alcuni matrimoni, in questi casi possiamo organizzare il dining, il dancing, gli arredi floreali, tutte le procedure estetiche e di bellezza e anche la cerimonia civile in una delle nostre sale.

Raimonda: abbiamo avuto degli ospiti che hanno preso tutta la Villa in esclusiva. È una cosa che si può fare per un compleanno, un matrimonio. Così possono ospitare i loro amici o parenti, hanno a disposizione il nostro staff, il nostro chef di famiglia li aiuta a preparare il menu. Insomma tutto questo crea la sensazione di stare non in un hotel, ma a casa propria.

foto Antonio De Paolis
Possiamo anche ospitare delle riunioni di lavoro o pranzi e cene sociali e dirigenziali. Nel nostro giardino si possono organizzare incontri di lavoro e meeting. Di venerdì proponiamo il wine tasting, aperto anche per gli ospiti esterni (pagando una quota).

Avete anche il centro benessere.
Maria: sì, il nostro centro benessere si compone di un’area in cui c’è l’accesso gratuito per i nostri clienti con il bagno turco, la sala relax e la palestra. É un’oasi esclusiva di tranquillità per la cura del corpo. Si può decidere su base extra di fare anche il massaggio, in questo caso abbiamo una rete di terapisti che chiamiamo a seconda delle richieste specifiche. Volendo si può aggiungere anche la parte estetica: trattamenti viso, corpo, mani, piedi.

foto Antonio De Paolis
Che cosa avrebbe consigliato di visitare a Roma ai vostri ospiti?
Raimonda: il quartiere Trastevere, di giorno però, non di sera quando è troppo caotico. Pranzare lì in qualche osteria tipica romana con i tavoli fuori e l’atmosfera rustica.

Il Suo rapporto con Roma?
Raimonda: io sono nata a Roma, la amo molto. É bellissima, la considero la città più bella del mondo. Ha un potenziale enorme, come tutta l’Italia, ha tutto, potrebbe essere il paese più bello del mondo, ma purtroppo è gestito male.

E poi adoro il cielo azzurro di Roma! Viaggio molto e ogni volta che torno a Roma mi meraviglio di questo suo cielo! Uno deve viaggiare tanto per apprezzare le cose di Roma e la sua gente. Roma offre uno stile di vita che poche città possono competere. Roma è una piazza, è un museo a cielo aperto.

foto Antonio De Paolis
Qualche Suo indirizzo o/e posto preferito a Roma?
Raimonda: noi ci ritroviamo spesso con gli amici alla piazzetta come la chiamiamo noi, alla piazza di Madonna di Monti. Mi piace molto Monti come quartiere. Sta andando anche molto di moda, ma non ha perso la sua autentica atmosfera romana, non è diventato troppo turistico. Lì ancora respiri la Roma vera.

Maria: non sono nata a Roma, ma sono a Roma da 20 anni, ormai diventata romana d’adozione. A me di Roma piace molto la luce, sarà che si riflette su questo bianco del travertino di statue e palazzi che domina e che risplende sotto il sole, è bellissimo! Il travertino dà tanta luce e questa luce intensa dà serenità.

Mi piace anche confondermi, sabato e domenica cammino tanto e scopro angoli nuovi dopo tanti anni. Faccio la turista a distanza di anni. La cosa bella di Roma è il rincorrersi dei secoli attraverso le strutture, per cui c’è la combinazione dell’angolo medioevale con il Rinascimento, il palazzo settecentesco con le colonne antiche, e quindi passi attraverso i secoli. In Italia potremmo vivere solo ed esclusivamente grazie all’arte e la nostra eredità.

Raimonda, infine non posso non farLe questa domanda. Che profumo d'ambiente usate, è incredibilmente buono!
Raimonda: È un aroma esclusivo che viene creato per noi in Francia, ma purtroppo non posso svelare i suoi ingredienti che sono un segreto.

foto Villa Spalletti Trivelli

0 commenti::

Posta un commento