martedì 11 giugno 2013

Golden Gala a Roma


Finalmente sono riuscita ad andare al Golden Gala Diamond League di atletica leggera che fa tappa a Roma ogni anno raccogliendo i migliori atleti della regina dello sport. Vedere con i miei occhi il re di questo sport – il giamaicano Usain Bolt che ormai è diventato una leggenda grazie alle sue storiche vittorie e i risultati fenomenali nei 100 e 200 metri. Detto in modo semplice è la persona più veloce sulla Terra. Ma è anche un ragazzo simpaticissimo, disinvolto, sempre sorridente con senso di umorismo. Basta pensare alla sua famosa posa da saetta che manda il pubblico in delirio in un istante! E comunque vedere l’atletica leggera dal vivo è una emozione incredibile, adrenalina pura.


Si sa che la vita agonistica degli atleti nello sport è brevissima, così ero preoccupata di non essere riuscita a vedere Bolt in azione almeno una volta nella vita. Invece sono stata fortunata, ed ecco che il 6 giugno stavo seduta sulla tribuna dello stadio romano l'Olimpico aspettando i 100 metri uomini. Sono sicura che la maggior parte degli spettatori erano venuti a vedere Bolt, esattamente come me, aspettando uno show indimenticabile e magari un nuovo record mondiale.  Anche se gli specialisti dicevano che sarebbe stato difficile a solo un paio di mesi prima di mondiali. 

Bolt è stato salutato come un vero re (esattamente come era presentato sul poster ufficiale dell’evento di quest’anno). È stato l’unico atleta apparso nello stadio un paio d’ore prima della gara, sulla macchina che gli ha fatto fare un giro d’onore lungo la pista con il pubblico dagli spalti che lo salutava al suo passaggio con un boato. 


Avevo già sentito che Bolt impressiona con il suo fisico non da velocista: alto, potente, muscoloso. In effetti è esattamente così. Quando è apparso sulla griglia di partenza insieme con gli altri atleti, era impossibile non notarlo o scambiarlo con qualcun altro. Incredibile come riesce a controllare il pubblico! Gli bastava fare il segno di silenzio e lo stadio si è ammutolito illuminandosi solo con centinaia di flash fotografici.

La batteria è durata un istante, meno di 10 secondi. Come era stato pronosticato, niente record. Anzi, Bolt non ha nemmeno vinto. E questa forse è stata la sorpresa più grande. All’inizio nessuno voleva crederci, né la ragazza che doveva consegnare i fiori al vincitore, né i fotoreporter che hanno circondato il giamaicano invece di prestare l’attenzione all’americano Justin Gatlin che aveva vinto e stava facendo il giro d’onore in totale solitudine.




Ma la bellezza dello sport è proprio in questo, che è come la vita, imprevedibile e sorprendente. Onestamente dopo questa sconfitta Bolt mi è diventato ancora più simpatico, perché si è rivelato un essere umano e non superman, che non sempre regge la pressione. Stavo guardando Bolt, circondato dai fotografi, mentre aspettava i risultati sullo schermo, e Gatlin mentre percorreva da solo lo stadio con un mazzo di fiori, ed ho pensato alla solitudine dei campioni. Sono sempre soli, sia nella gioia della vittoria, sia nella tristezza della sconfitta, anche se circondati da migliaia di persone.


Il mio racconto di questa serata non sarebbe completo, se non avessi raccontato della gara di salto in alto donne. Sono stata fortunata perché la mia tribuna era esattamente davanti al settore di salto in alto, così ho potuto vedere tutta la gara. Alla fine ero strafelice perché hanno vinto due russe, Anna Chicherova e Svetlana Shkolina, battendo la famosa croata Blanka Vlasic.   


E l’ultimissima. Quest’anno il Golden Gala è stata dedicato a Pietro Mennea, scomparso recentemente, un velocista leggendario, campione olimpico del 1980.


Fotografie Antonio De Paolis

2 commenti:

  1. bello questo post, io mi sono dimenticato di guardare l'evento in TV.

    P.S.:Blanka Vlasic ti voglio bene anche se non sei arrivata prima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angelo, sono felice che ti sia piaciuto! PS Blanka è molto carina (e altissimaaaa), hai ragione

      Elimina