giovedì 7 febbraio 2013

Lo spettacolo "Lezioni di Burlesque"

In uno dei miei recenti post ho raccontato dello spettacolo che parla di burlesque "Lezioni di Burlesque" che doveva andare in scena all'Accènto Teatro. Aspettavo questo spettacolo con impazienza e grandissimo interesse. Ed ecco, finalmente, ieri l'ho visto. Ed ha superato tutte le mie aspettative!! Ma andiamo per ordine...


Accènto Teatro si trova nel quartiere romano Testaccio che di sera inaspettatamente si illumina con le insegne neon di piccoli teatri che attirano l'attenzione nel buio di una serata d'inverno. Il teatro si è rivelato minuscolo, penso di non essere mai stata in uno così piccolo. La ripida scala, immediatamente dopo l'ingresso, porta giù verso il banco dove si fa il biglietto d'ingresso e subito dopo, dietro un sipario pesante, una piccola sala che può ospitare al massimo una quarantina di persone (a proposito, ieri sera la sala era strapiena). Niente guardaroba o buffet. La scena è a due passi dalla prima fila. Tutto questo crea un'atmosfera boheme di un piccolo teatro-cabaret per gli eletti, per gli intenditori, dove tra gli attori e gli spettatori non ci sono barriere. 

Lo spettacolo rapisce subito, appena sulla scena appare l'espertissima insegnante di burlesque Madame Clochard (Claudia D'Angelo) e più tardi la sua allieva Vivì La Gloire (Gloria Vigorita). È un cocktail frizzante fatto di battute, scenette piccanti, un susseguirsi di abiti e numeri burlesque. Lo guardi con il fiato sospeso. Due attrici, due personaggi, completamente diversi, ma che si completano a vicenda e raccontano del burlesque. Burlesque è prima di tutto armonia con la musica, l'ironia e il contatto costante con il pubblico. E mille altri piccoli segreti e trucchi che rendono questo show indimenticabile e esplosivo, sensuale e magico. 

Dai primi istanti dello spettacolo, appena il mio sguardo si è incrociato con quello di Madame Clochard, avevo capito che la serata mi avrebbe riservato qualche sorpresa. E non mi sono sbagliata. Non vi rivelerò come, ma ad un certo punto, verso la fine dello spettacolo sono finita sul palcoscenico, naturalmente non per mia volontà, per dover dimostrare se avevo imparato bene le regole della brava attrice di burlesque. Essendo molto timida, avrei voluto nascondermi nell'angoletto più buio della sala e non trovarmi sulla scena sotto i riflettori accecanti davanti a decine di occhi. Sembravo un tronco di legno, tanto era forte il mio imbarazzo, ma la mia performance impacciata sembrava aver divertito il pubblico ancora di più. Io invece stavo lì e pensavo solo a come fanno loro, le burlesquer, le attrici di burlesque, come lo fanno con tanta leggerezza, raffinatezza e naturalezza, senza dimostrare minimamente la loro paura o imbarazzo?!

Sì, la serata ha superato tutte le mie aspettative. E anche se non sono diventata una vera burlesquer dopo questa lezione, ne valeva la pena lo stesso!





"Lezioni di Burlesque" Accènto Teatro
via Gustavo Bianchi, 12a (zona Testaccio)
da mercoledì 6 a domenica 10 febbraio
tutti i giorni alle ore 21.00, domenica alle ore 18.00
Tel 06 57289812


Fotografie - Antonio De Paolis

0 commenti::

Posta un commento